SIRA: Sistema Informativo Regionale Ambientale della Regione Sardegna

Ambiente e tecnologia, connubio possibile.

Tutelare e gestire il Sistema Ambiente anche grazie alle tecnologie informatiche. La salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale passano sempre più anche attraverso l’integrazione e la diffusione delle informazioni ambientali tra i diversi livelli della Pubblica Amministrazione e le molteplici tipologie di soggetti privati che su questo operano.

Il Sistema Informativo Regionale Ambientale (SIRA) della Regione Sardegna realizzato da Engineering, estende la conoscenza e l’accessibilità al patrimonio informativo in campo ambientale, permettendo di cogliere appieno le relazioni tra tutti  gli “oggetti” del medesimo ambito geografico, offrendo in tal modo una più completa conoscenza dell’ambiente e delle pressioni che su di esso vengono esercitate.

All’interno del SIRA gli oggetti di interesse ambientale sono organizzati in diverse aree tematiche (aria, acque, rifiuti, agenti fisici...) e navigabili/consultabili attraverso strumenti specifici e sulla base dei metadati associati. Il sistema offre quindi una visione d’insieme degli oggetti ambientali e delle competenze dei vari enti coinvolti, condizione indispensabile per un efficace governo del “Sistema Ambiente”.

Grazie a questo progetto la Regione Sardegna ha raggiunto l'obiettivo di vedere finalmente riunita sotto un unico sistema tutta la conoscenza ambientale, prima frammentata in più sistemi diversi. Questo ha portato a un notevole risparmio di tempo con incremento di efficienza ed efficacia in tutti i procedimenti che prevedono una fase istruttoria relativamente alle matrici ambientali. La creazione di un sistema unico a gestione centralizzata ha permesso inoltre di rendere sempre più sicuri e affidabili i dati creati e gestiti dalla Regione, con un incremento di economicità dal punto di vista della manutenzione dei sistemi.

Grazie al Progetto SIRA, la Regione Sardegna è stata insignita nel 2014 del "Premio eGovernment: i campioni del riuso" nel contesto dello Smau di Napoli (vedi comunicato e scheda SMAU) mentre nel giugno 2017 è stata premiata come eccellenza del "Premio Innovazione" dello Smau di Bologna (vedi comunicato e scheda SMAU).